BANCHE DEL GERMOPLASMA
(Clicca sulla foto per consultare la fonte informativa)
1431069591172.jpg1431070013829.jpg1431069713339.jpg1431069925707.jpg1431071069726.jpg1431070367122.jpg1431071199753.jpg1431069232799.jpg1431069044346.jpg
logomiscugli
Germoplasma 

Germoplasma èl'insieme delle varietà, sia moderne che tradizionali (autoctone, varietàlocali) di una specie vegetale, tra cui, quando ancora disponibili, i loroprogenitori selvatici.  


Banche delGermoplasma (o del seme) 

Molteorganizzazioni internazionali, riconoscendo il valore e l'importanza dellabiodiversità in generale, e della biodiversità agricola, in particolare, per ilfuturo dell'umanità, hanno promosso la conservazione delle vecchie varietàlocali e dei loro progenitori selvatici in strutture note come banche del germoplasma(o banche dei semi o banche dei geni). 




Questi sono edifici in cui i semi sono conservati in condizioni particolari - a bassa temperatura e bassa umidità - per garantire la vitalitá del seme (cioé la capacità del seme di germinare) per molti anni.

Ogni pochi anni, a seconda delle specie e delle condizioni di conservazione, il seme viene seminato e nuovi lotti di semi sono prodotti per la conservazione. 

Al mondo esistono circa 1700 banche del seme con 7.400.000 campioni di semi. Le collezioni meglio documentate sono quelle dei Centri Internazionali di Ricerca (www.cgiar.org) che complessivamente 
cgiar
conservano oltre 700.000 campioni, di cui quasi il 60% di varie antiche, di molte specie diverse (Tabella 1).  

Tabella 1. Numero di accessioni (campioni) di diversecolture nelle banche del seme dei Centri Internazionali di Ricerca.
La foto (ICARDAGene Bank) mostra la banca del seme dell’ICARDA (che sembra non essere statadanneggiata dagli eventi cha hanno sconvolto quel paese) dall’esterno (foto1) e dall’interno (foto 2, 3 e 4). 

La bancagenetica più recente è il Svalbard Global Seed Vault (foto 5, 6 e 7) inaugurata nel 2008all'interno di una montagna in una remota isola dell'arcipelago Svalbard, trala Norvegia e il Polo Nord (foto Svalbard). Questa banca del germoplasma è statacostruita per resistere a disastri naturali o causati dall'uomo, e per fornireuna protezione permanente per le colture alimentari del mondo conservando duplicati("back-up") di tutti i campioni di sementi dalle collezioni dicolture di tutto il mondo. 

La SvalbardGlobal Seed Vault ha sollevato molte perplessitá e critiche soprattutto aproposito della accessibilitá alle risorse genetiche. É bene sapere che soltantochi ha depositato il seme nella Svalbard Global Seed Vault, puó avere accessoad esso. 

Le banche dei semi sonoessenziali come ultima risorsa in caso di calamità, ma il loro problema piùimportante è che, oltre al seme, congelano anche l'evoluzione. 

Ci sono ancheesempi di banche dei semi gestite direttamente dagli agricoltori come adesempio la banca del seme degli agricoltori di Garmsar, Iran (vedi foto 8 che mostra l’inaugurazione e la foto 9 che mostra alcuni dei campioni di semi).
Bioversitylogo
Ciatlogo
Africarice
facebook
facebook
facebook
CIPlogo
Cimmytlogo
Icardalogo
facebook
facebook
facebook
icraf
IITAlogo
Icrisatlogo
facebook
facebook
ILRIlogo
IRRIlogo
facebook
facebook
10
Progetto per la realizzazione della "Banca del GermoPlasma" nella                             Regione Marche
2015 - Progetto Realizzato da:
Prof.re Salvatore Ceccarelli
Salvatore Ceccarelli
logo avventuramarche 300
Valorizzazione del Patrimonio Genetico Autoctono Marchigiano di Varietà di Interesse Agrario 


PREMESSA

Tra imaggiori problemi di cui il mondo scientifico si occupa oggi spessissimo cisono quelli della biodiversitá, dei cambiamenti climatici, della povertá,dell’acqua e della fame nel mondo. I cinque problemi sono tra loro collegatianche se spesso vengono affrontati separatamente, e al centro di essi sitrovano i semi.  

Labiodiversitá é il deposito che assicura alll’umanitá cibo, vestiti e medicineed é essenziale per lo svilupposostenibile dell’agricoltura, per l’adattamento delle colture ai cambiamenticlimatici e per la sicurezza alimentare (1, 2).  

Ladiminuzione della biodiversitá é stata in larga misura causata dall’agricolturaindustriale (3) che é basata su poche varietá, spesso imparentate tra di loro eche rispondono in modo uniforme a fertilizzanti, erbicidi e pesticidi. 

Per dareun’ idea della diminuzione della biodiversitá agricola basti pensare che afronte delle circa 250.000 specie vegetali che si stima vivano sul pianeta, dicui circa 50.000 sono commestibili, noi ne utilizziamo soltanto 250. Di questeappena 15 forniscono il 90% delle calorie e 3 - mais, frumento e riso, che nonsono nemmeno le piú nutrienti, - forniscono il 60% delle calorie. Tutto ciórende l’agricultura molto vulnerabile e il nostro futuro alimentare moltoinsicuro.  

Isemi forniscono gran parte della nostra alimentazione (anche quando mangiamoprodotti animali, mangiamo indirettamente piante) e l’alimentazione ha grandiconseguenze sulla nostra salute. Perció parlare dei semi vuole dire parlaredella nostra salute. E se qualcuno, come in realtá accade, ha il controllo delmercato del seme limitando la diversitá di ció che viene coltivato, questocomporta una minore diversitá di cibo. Questa, a sua volta, é stata messa inrelazione con una riduzione delle biodiversitá microbica del nostro intestinoche sembra associata a malattie di natura infiammatoria come l’asma e alcunitipi di tumori (4).  

Unadelle strategie che verrá utilizzata nel progetto é il miglioramento geneticoevolutivo-partecipativo che prevede la costituzione di miscugli (o popolazionievolutive) che, una volta seminati nei campi degli agricoltori, vengono lasciatievolvere diventando cosi progressivamente adattati non soltanto a quelparticolare ambiente inteso come esposizione, altitudine, suolo e clima, maanche alle tecniche agronomiche (quindi anche l’agricoltura biologica e quellabiodinamica) usate (5). 

Qeste popolazioni rappresentano inoltre una rispostadinamica alla necessitá di adattare le colture al cambiamento climatico cheinfluenzerá in modo diverso localitá diverse (6). É poi possibile per gliagricoltori utilizzare queste popolazioni evolutive come fonte da cuiselezionare, da soli o con la partecipazione di tecnici e ricercatori, nuovevarietá il cui seme puó diventare disponibile anche per i vicini. 

Questastrategia non solo promuove una grande agro-biodiveristá (perché le popolazionievolveranno in  modo diverso in localitádiverse) ma rappresenta un processo auto sostenibile che consente agliagricoltori di rispondere in modo dinamico a nuove richieste del mercato o allacomparsa di nuove malattie e insetti.Questastrategia é attualmente utilizzata in un numero di europei (Portogallo, Spagna,Francia, Germania), in molte regioni italiane e nelle Marche con frumentotenero e zucchino.

SCOPO e ATTIViTÁ 

Ilprogetto si propone lo scopo di rendere gli agricoltori indipendentidall’attuale mercato del seme che rappresenta il principale fattore limitantela diversitá coltivata e di conseguenza della diversitá di cibo, valorizzandola conservazione, la coltivazione e l’uso della biodiversitá ancora disponibilenella regione Marche attraverso le seguenti iniziative:  

1. Proponiamo per la fattibile realizzazione del progetto, il coinvolgimento e la partecipazione della  Banca del Germoplasma del CRA-ORA (Unità di Ricerca per l’Orticoltura) di Monsampolo del Tronto (Ascoli Piceno) per la conservazione delle specie orticole incluse leguminose da granella come cece, lenticchia e fagiolo; 
 
2. Questo permetterebbe senza dover ripartire da zero con eccessivi sforzi, di arricchire la giá cospicua collezione esistente presso la Banca del Germoplasma del CRA-ORA con campioni di varietá attualmente non presenti nella Banca ma conservati presso singoli agricoltori o associazioni nella regione;  

3. Identificare una struttura idonea alla conservazione di cereali (frumento tenero, frumento duro, orzo e frumenti antichi come           farro, monococco e dicocco);  

3. Monitorare e diffondere i miscugli giá esistenti di frumento tenero e zucchino organizzando incontri con agricoltori per discutere le modalitá di utilizzazione dei miscugli per selezionare nuove varietá adattate alle specifiche condizioni pedoclimatiche;   

4. Promuovere altri miscugli (pomodoro, fagiolo e altri cereali);  

5. Allestimento da parte del CRA-ORA, presso la propria sede di Monsampolo del Tronto, di una mostra di tale biodiversitá allevando in parcelle un certo numero di accessioni di ciascuna delle specie disponibili presso la banca del germoplasma. Queste mostre hanno lo scopo di innescare un rapporto tra consumatori interessati al consumo di alcune accessioni e agricoltori disposti a coltivarle. Nel medio e lungo termine, le accessioni di maggiore interesse per i consumatori verranno coltivate da un numero sempre crescente di agricoltori in zone diverse delle Marche creando nelle stesse zone filiere corte; 

6. Sito internet con annesso E commerce che gli agricoltori e cittadini detentori di orti possono usare per scambiare informazioni e acquistare semi direttamente dal CRA-ORA di Monsampolo (AP);      

CAMPO di APPLICAZIONE  

Questolavoro si indirizzerá anche agli agricoltori biologici della regione che, tral’altro, patiscono la cronica mancanza di varietà specificamente selezionateper questa tecnica di coltivazione dovendosi accontentare di materiale geneticoselezionato per colture con alti livelli di imput (concimazioni chimiche,diserbanti, trattamenti fitoiatrici, ecc).  

Unaattività di questo tipo si va a collocare nel quadro della ricerca scientifica ditipo applicativo che si sta affermando a livello internazionale soprattutto inrapporto alle necessità di ridurre l’utilizzo di prodotti derivati dal petrolioe di ridurre i livelli di impatto sugli ecosistemi agrari.  

L’approcciopartecipativo inoltre permette di coinvolgere in modo diretto gli agricoltoried il territorio garantendo l’incremento della biodiversità coltivata. Conquesta metodologia, infatti, si verrebbero a delineare delle varietà conelevato adattamento specifico, quindi diversificate a seconda delle zone. Il lavoronon è rivolto alle singole varietà di cereali, leguminose, etc. ma prende inconsiderazione dei “pacchetti colturali”, rotazioni cioè, adeguate allespecificità dei diversi ambienti regionali. La scelta degli ambienti di provasarà quindi effettuata in rappresentanza delle diverse condizionipedoclimatiche che contraddistinguono la regione.   

DURATA del PROGETTO  

Unprogetto che si propone di effettuare selezione partecipativa su un gruppoarticolato e numeroso di colture deve necessariamente prendere inconsiderazione il compimento di una rotazione agraria quadriennale completa.

COSTI del PROGETTO
PERSONALE COINVOLTO 

Siprevede il coinvolgimento di un numero di tecnici variabile da tre a sei; ilnumero preciso potrà essere definito sulla base delle richieste dipartecipazione alla fase di formazione e preparazione iniziale, necessaria perla corretta impostazione e realizzazione del progetto. 

MODALITA’ DI VERIFICADEI RISULTATI 

Per la valutazione dei risultatidel progetto si dovrà procedere alla fine del secondo anno alla verifica delnumero di linee in selezione presso le aziende partecipanti. Al termine delprogetto si verificherà il  numero dellenuove varietà destinate ad essere adottate e le loro caratteristichequalitative.  

RIFERIMENTIBIBLIOGRAFICI  

1. ThruppLA, 2000. Linking agricultural biodiversity and food security. The valuablerole of agro biodiversity for                           sustainable agriculture. International Affairs76:  265 – 281  

 2. CardinaleBJ, Duffy JE, Gonzalez A, Hooper DU, Perrings C, Venail P, Narwani A, Mace GM,Tilman D, Wardle DA, Kinzig AP,       Daily GC, Loreau M, Grace JB, Larigauderie A,Srivastava DS, Naeem S, 2012. Biodiversity loss and its impact on                         humanity.Nature 486: 59 – 67  

3. GreenRE, Cornell SJ, Scharlemann JPW, Balmford A, 2012. Farming and the Fate of WildNature. Science 307: 550 – 555 

4. Von Hertzen L, Hanski I, Haahtela T, 2011. Naturalimmunity: Biodiversity loss and inflammatory diseases are two global       megatrendsthat might be related. EMBOreports, 12: 1089 – 1093  

5. SunesonCA (1956) An Evolutionary Plant Breeding Method. Agronomy Journal 48:188–191  

6. Ceccarelli S, Grando S, Maatougui M,et al. (2010) Plant breeding and climate changes. J Agr Sci148:627–637.
Salvatore Ceccarelli: Miglioramento Genetico Evolutivo Partecipativo
logomiscugli
Scrivi al Prof. Salvatore Ceccarelli
Iscriviti alla nostra pagina Facebook
Anteprima NEWS Blogging

EFFETTI DI QUELLE SCHIFEZZE CHIAMATE NUTELLA E MERENDINE …

20/10/2015, 15:37

EFFETTI-DI-QUELLE-SCHIFEZZE-CHIAMATE-NUTELLA-E-MERENDINE-…

I SEMI IN MANO A CINQUE MULTINAZIONALI

18/10/2015, 16:58

I-SEMI-IN-MANO-A-CINQUE-MULTINAZIONALI

Il rapporto del gruppo europeo Greens European Free Alliance fornisce il quadro della situazione e lancia un appello alla UE: "Le regole vanno cambiate".

GM-crop opponents expand probe into ties between scientists and industry. Activist group compels records from 40 researchers at US public universities.

15/10/2015, 10:39

GM-crop-opponents-expand-probe-into-ties-between-scientists-and-industry.-Activist-group-compels-records-from-40-researchers-at-US-public-universities.

Copyraight 2015 AvventuraMarche - Privacy
60021 Camerano (AN) ITALY - P.IVA 02377840422
Lascia un commento
Create a website